Punta Secca

Punta Secca

lunedì 24 marzo 2014

Festa di San Giuseppe a Santa Croce Camerina 23 marzo 2014


In alto due foto scattate durante l'accompagnamento dei santi in una cena di San Giuseppe per le vie di Santa Croce Camerina.

In basso alcune cene:


in basso due video con un momento importantissimo della cerimonia: San Giuseppe recita il tradizionale bussare alla porta della famiglia che ospita la Cena:





successivamente la Sacra Famiglia mangerà a porte chiuse.

Diversi visitatori della mostra dell'Unitre mi hanno chiesto delucidazioni circa la leggenda della statua di San Giuseppe; nel mio prossimo libro, il continuo del romanzo "Alla ricerca del sapere perduto" verrà accennata in un capitolo.

Brevemente: venne trovata la statua di San Giuseppe nella spiaggia di Scoglitti dopo il naufragio di una nave e diverse persone di località vicine se la contesero, ma nessuno riuscì a sollevarla per portarsela nel rispettivo paese. Provarono a sollevarla i santacrocesi e la statua diventò leggerissima, riuscendo a trasportarla verso Santa Croce Camerina su un carro trainato dai buoi. Quando i nostri eroi arrivarono in prossimità del paese affaticati e assetati, si fermarono all'abbeveratoio di contrada San Martino dove uscì vino al posto dell''acqua. 
In quel frangente l'acqua avrebbe fatto male, invece il vino fu ideale per dissetarsi senza problemi!

La devozione per il santo a Santa Croce Camerina è tale che esistono diverse leggende che si tramandano negli anni. 

Una recita così:  un giorno un signore sognò San Giuseppe che lo avvisava di portare in salvo moglie e figli perché sarebbe crollato il tetto di casa e così fu. Lui nel cuore della notte istintivamente li portò fuori e si salvarono. Si accorse che non riuscì a portare in salvo l'asina, ma questa venne ritrovata miracolosamente illesa.
Un'altra invece: una famiglia contadina molto povera bandiva solitamente la Tavola di San Giuseppe per varie grazie ricevute, ma un anno non ebbero soldi sufficienti a causa di un magro raccolto. San Giuseppe apparve in sogno al membro più anziano della famiglia e gli chiese di prepara la Cena, ma lui era disperato e non sapeva come fare. Miracolosamente ritrovò il contenitore dove teneva l'olio da vuoto a traboccante. Il recipiente svuotato, continuava a riempirsi da solo, e vendendo o barattando l'olio contenuto con farina, zucchero e altre pietanze tipiche della Tavolata, riuscì a mantenere la sua promessa. 

Entrambe mi sono state riferite da Luisa Cannata.

Ecco uno tra i tanti stand che hanno invaso via Caucana e dintorni:

 è quello dei talentuosissimi artisti locali Salvo Piazza e Carola Caruso.

All'entrata del Santo i tradizionali fuochi d'artificio:

sono stati veramente stupendi!!!

Unitre Santa Croce Camerina: mostra 23 marzo 2013, foto









Ecco alcune foto della mostra organizzata dall'Unitre di Santa Croce Camerina il 23 marzo 2013 in occasione della festa di San Giuseppe. Sono venuti tantissimi visitatori, anche molti stranieri.

sabato 22 marzo 2014

Unitre Santa Croce Camerina: 26 marzo 2014 ore 17 conferenza professor Caristia Giovanni

L'Unitre di Santa Croce Camerina vi invita a partecipare il 26 marzo 2014 alle ore 17 alla biblioteca comunale per l'interessantissima conferenza del professor Caristia Giovanni sul tema "cosa dobbiamo sapere per una buona nutrizione intelligente".

Unitre Santa Croce Camerina: foto e programma della mostra del 22 marzo 2014 ore 17

Vi ricordo per oggi pomeriggio, in occasione della Festa di San Giuseppe, la mostra dell'Unitre di Santa Croce Camerina in via Caucana (dove si è disputato il torneo di burraco del 22 dicembre 2013).
In alto il programma della mostra con tutte le esposizioni e in basso alcune foto scattate ieri durante la preparazione.
Ecco come appariva la sala alle ore 17:
eccola mezz'ora dopo:


così alle ore 18:



quindi ore 18 e 30:

alle ore 20 ecco come appariva la sala:
in tre ore è stato compiuto un capolavoro.

Ecco la Cena di San Giuseppe:
le foto delle varie esposizioni verranno inserite in seguito, vi aspetto oggi pomeriggio alle ore 17!

giovedì 13 marzo 2014

Storia locale: conferenza sul faro di Punta Secca 12 marzo 2014 foto e video


video

Sopra il filmato dei primi minuti della conferenza tenuta dal dottor Gaetano Cascone, presidente dell'Associazione culturale di Storia Patria Santa Croce Camerina, ieri 12 marzo 2014 sulla storia del Faro di Punta Secca.

Sotto un foglietto distribuito per l'occasione con la storia del Faro:
di seguito la prima foto storica di Punta Secca, scattata verso la fine dell'800 primissimi del '900:
come potete vedere la biblioteca comunale era pienissima, in molti hanno seguito la conferenza.

Di seguito due foto sulla planimetria di Punta Secca di un secolo fa:

il progetto del Faro:
e alcuni scatti recenti da sopra dalla lanterna:
 si vedono le tre torri di vigilanza:
 sopra la lanterna ci sono delle teste di leone di bronzo:
davvero una conferenza eccezionale e imperdibile!

domenica 9 marzo 2014

Burraco: 8 marzo 2014 torneo rosa a Santa Croce Camerina

Sabato 8 marzo 2014 c'è stato il torneo di burraco presso il salone parrocchiale di Santa Croce Camerina, organizzato dall'




 durante la premiazione.

In basso durante il break:
 sotto durante una fase di gioco:
 ecco la premiazione dei campioni sociali 2013 del circolo locale:
sotto diverse foto della serata:
per concludere la foto di gruppo:
vi ricordo che si gioca ogni sabato sera.

Presentazione libro Alla ricerca del sapere perduto presso l'Unitre di Santa Croce Camerina, 7 marzo 2014

Dopo aver inserito sul blog il post sui filmati tratti dalla relazione del professor Federico Guastella sul libro Alla ricerca del sapere perduto di Gianfranco Arrabito presso l'Unitre di Santa Croce Camerina durante la presentazione del 7 marzo 2014, ecco la lettura del capitolo "Il tesoro del monaco pastore Serafino" da parte di Giovanni Barone:



conclusione doverosa sugli scacchi:



il mio intervento finale racchiude l'essenza del libro, dove ho inserito un capitolo dal titolo "Gli scacchi moderni" dove spiego il dominio dell'era informatica e del freddo calcolo sulla fantasia e filosofia negli scacchi mettendo a confronto l'approccio al gioco del passato con quello attuale.
Precedentemente si analizzava una posizione a casaccio calcolando le varianti ma sempre qualche mossa sfuggiva e si terminava il giudizio con una valutazione teorica del tipo "il bianco ha i pezzi messi meglio, il cavallo è forte, ecc ecc". Con l'avvento di fortissimi programmi per computer casalinghi, ormai è uso comune ragionare con la pratica e il calcolo; le considerazioni personali hanno lasciato lo spazio a frasi come "Il bianco ha un vantaggio di un punto secondo quel programma perché dopo questa mossa e quest'altra segue... e allora vince".

Non solo gli scacchi, ma tantissime vecchie teorie sono state spiazzate dalle soluzioni date dai computer, e ogni anno si trovano nuove scoperte. Nulla vieta ipotizzare che un giorno troveremo la risposta a tutto e infatti nelle 300 pagine del libro le tessere del puzzle si compongono fino a pensare come tutto ciò possa aprire scenari inimmaginabili che in questo momento ci sembrano impossibili!

In basso le foto scattate durante la presentazione:








un ringraziamento a tutti quelli che sono stati presenti.